Ologrammi: Cosa sono e Come crearli?

ologrammi

Il fermento attorno al Visore per la Realtà Virtuale di Microsoft, conosciuto con il nome di HoloLens, ha fatto tornare alla ribalta il concetto e l’applicazione degli ologrammi computerizzati. Ma cosa sono gli Ologrammi? E come avviene la trasformazione di un’immagine che ha le fattezze e le dimensioni umane? A queste domande, oggi, cerchiamo di dare una risposta.

Diversi sono stati i nostri approfondimenti in merito all’entusiasmante Occhiale per la Realtà Aumentata sviluppato dalla Microsoft, HoloLens, che promette tantissimo e l’attesa aumenta le nostre aspettative. Appunto, nell’attesa, ti suggeriamo di scoprire cos’è il Visore HoloLens, a quale ambito lavorativo si può sfruttare e in ultima battuta, ti sveliamo alcune delle App che Microsoft sta mettendo a punto per coinvolgere a 360 gradi.

Ologrammi: Cosa sono e Come crearli?

Ologramma è una parola composta da olo- e -gramma, il cui significato etimologico vuol dire un’immagine intera. In altre parole, è un’immagine che si sviluppa in tre dimensioni per via dell’interferenza di due fasci di luce laser.

Il primo ologramma venne ricreato nel 1947 dal fisico ungherese Dennis Gabor, il quale aveva intuito come produrre questi fasci di luce e generare un’immagine in tre dimensioni.

Il successo internazionale degli ologrammi è da imputare ai primi episodi della saga di Star Wars, che alla fine degli anni settanta impiegava gli ologrammi per registrare il messaggio di aiuto della principessa Leila all’interno della memoria del droide R2-D2 o per riportare in vita per alcuni attimi il cavaliere Jedi Obi Wan.

 

ologrammi di yoda Accessori Indossabili

 

Struttura degli Ologrammi: sono composti da due fasci di luce. Il primo fascio viene proiettato sull’oggetto che si vuole riprodurre e viene impresso su una lastra; il secondo fascio di luce, deviato da specchi, colpisce la lastra o pellicola. L’interferenza che si genera tra il primo fascio e il secondo registra le informazioni dell’onda luminosa e va a ricostruire le zone chiare e le zone scure sulla pellicola.

Le immagini in 3d, o altrimenti detti ologrammi, si formano in prospettive diverse in funzione dell’angolazione da cui partono i fasci di luce. Ogni angolazione fornisce informazioni e dettagli che una fotografia bidimensionale non riesce a catturare.

In poche parole, l’immagine dell’ologramma è molto più dettagliata e precisa di un’immagine bidimensionale.

 

Ologrammi: perché e dove usarli?

Gli ologrammi possono essere usati in diversi ambiti lavorativi. Anche se l’applicazione più conosciuta è quella dei videogiochi e della fantascienza cinematografica, risultano indispensabili in settori strategici, come ad esempio quello finanziario.

Ad esempio è carino poter regalare al proprio figlio un bel gioco come questo di Star wars che crea una vera e propria esperienza olgrafica

La contraffazione di ologrammi è quasi impossibile – e comunque molto dispendiosa e complessa – per questo motivo, gli ologrammi sono impiegati nei sistemi di protezione e sicurezza contro le falsificazioni di banconote, carte di credito e altri documenti bancari.

Idem per i documenti di identità: infatti, è diffuso l’utilizzo di bolli fatti di ologrammi all’interno dei passaporti per evitare la contraffazione. Insomma, applicazioni pratiche e sicure per la vita di tutti i giorni.

Altre divertenti applicazioni sono le stampanti in 3d che funzionano con lo stesso principio degli ologrammi. Un esempio di stampante in tre dimensioni è Olo. Si tratta di un kit da associare al proprio dispositivo mobile, con il quale si possono stampare piccoli oggetti in 3d. Si avvale della olografia combinata con una stampante a resina che plasma l’oggetto proiettato sullo schermo. Per saperne di più: Olo Smartphone Stampante 3d

Ologrammi: e per il futuro?

Il futuro è fantascienza. No, forse no. Il futuro si chiama Holographic Computing, ovvero la tecnologia informatica che studia come produrre ologrammi che combaciano e collimano con la realtà circostante.

Il presente è gia’ qui. Avete intenzione di dotare il vostro smarhphone di proiezione ologramma? Guardate il Spectre  3d con il quale potete posizionare il telefono e stupire i vostri amici con belle immagini 3d.

L’intenzione e la finalità di questa nuova dimensione tecnologica è quella di studiare piattaforme di ologrammi, con le quali interagire e, a loro volta, dare vita a nuovi sistemi di sviluppo.

L’Holographic Computing è la rivoluzione in campo lavorativo per produrre con efficienza e divertimento.

ologrammi holographic computing

Ologrammi e pubblicità

Avete presente la pubblicità tradizioale? Bhe ormai è superata dai proiettori olografici 3d che creano bellissime proiezioni utili per addobbare virtualmente le vetrine e attrarre i clienti in modo tech!

Un esempio?

Imaging olografico piu’ avanzato e sistema di controllo attraverso la app, cosa si puo’ volere di piu’!

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here